​ Deviazioni Lomografiche, FilmSoup: Il Rullino Candeggiato

Oggi voglio parlavi di una tecnica molto usata da Lomografi e sperimentatori seriali, le FilmSoup, letteralmente vuol dire zuppa di pellicola. Nella pratica invece vuol dire immergere i nostri rullini nei liquidi e sostanze differenti, in poche parole bisogna dare libero sfogo alla nostra creatività e accettare gli effetti ottenuti.

La prima “ricetta” che voglio proporvi è uno dei miei primi esperimenti e più famoso sulla manipolazione dei rullini, sto parlando di immergere un rullino nella candeggina.. sul sito di Lomography  potete trovare altri articoli scritti in merito ma questa ricetta l’ho voluta riproporre in una nuova variante con effetti più interessanti.
Occorrente
Per fare questa Zuppa occorrono poche cose:
⇒ Tank con spirale
⇒ Siringa
⇒ Recipiente
⇒ 5ml di Candeggina
⇒ Acqua 500ml circa
⇒ E per finire un rullino della nostra collezione che ci farà da cavia.. la mia scelta è ricaduta su un Ferrania Solaris 100
Occorrente ©AnalogMind2016
Occorrente ©AnalogMind2016
Procedimento
 Realizzare questa zuppa è molto semplice basta prendere il nostro rullino al buio inserirlo nella spirale, successivamente nel Tank come se lo stiamo per sviluppare.. chiudere il Tank accendere la luce e iniziare il procedimento!
Con una siringa preleviamo 5ml di Candeggina e versiamoli nel contenitore con l’acqua, aiutandoci con un termometro mescoliamo il tutto.
Ora non ci resta che versare la Zuppa nel Tank, aspettare qualche secondo agitare e poi lasciare riposare per qualche minuto, in genere io lascio a mollo il tutto per 1 max 2 minuti.. più a lungo lo lasciamo e più tende a rovinarsi la pellicola!
Passati i minuti non ci resta che svuotare il Tank e con molta acqua corrente laviamo letteralmente la pellicola, ad esempio io riempio il Tank e faccio 10 ribaltamenti, tolgo l’acqua “sporca”, riempio e faccio 20 ribaltamenti e poi un ultimo risciacquo con 30 ribaltamenti.
Asciugatura
Fatto questo ricordatevi che tutto il procedimento di asciugatura va fatto al buio più completo
Infatti ora non ci resta che srotolare la pellicola dalla spirale e metterla ad asciugare.. il mio consiglio è quello di asciugare il tutto con il phone, si fa prima e cosi possiamo riattaccare la pellicola al rocchetto e riavvolgerla pronta per essere scattata.
Oppure possiamo optare per la via più semplice ma anche la più lunga, quella di lasciare i nostri rullini ad asciugare da soli nella spirale e nella tank (in media ci vogliono un paio di giorni), ogni tanto però bisogna sempre al buio aprire il Tank e fargli prendere aria.. altrimenti la pellicola non si asciuga del tutto e rischiamo di farla appiccicare! Ovviamente anche in questo caso una volta asciutta tutta la pellicola va riattaccata nel rocchetto e riavvolta in modo da essere utilizzata.
Test
Ora indifferentemente dal sistema di asciugatura adottato il risultato non cambia! Non resta che inserirlo nella macchina e iniziare a scattare normalmente e aspettare i risultati.
Qui potete vedere qualche esempio con la Pentax MX
Conclusioni
Come potete vedere l’effetto ottenuto è molto particolare. Grazie all’utilizzo della candeggina in quasi tutte le foto è presente una leggera bruciatura e una dominante calda che rende il risultato molto onirico.
E voi, cosa ne pensate?
Eravate già a conoscenza di questa tecnica/movimento? Pensate di provare a fare questa ricetta?

Comments

comments

Lascia un commento