​ 100 & più Fotocamere

Una delle cose più belle della fotografia analogica è la miriade di fotocamere disponibili sul mercato, dalle forme e caratteristiche più svariate ed interessanti.. Da bravo collezionista sto cercando sempre modelli più particolari e rari, in questo post cerchiamo di fare una piccola classificazione suddivisa per formato e caratteristiche.

Che cosa è una fotocamera?
Prima di parlare di fotocamere e delle varie caratteristiche, spieghiamo che cos’è una fotocamera e come funziona:
Il termine “fotocamera” deriva dall’unione delle parole greche φῶς phôs “luce” e del tedesco Kamera, è uno strumento ottico utilizzato per la ripresa fotografica e per ottenere immagini di oggetti reali stampabili su materiali cartacei. l’antenato più vecchio della fotocamere è senza ombra di dubbio la camera oscura, usata dai greci. Nel tempo la fotocamera si è evoluta fino ad arrivare ai giorni nostri e assumere la classica forma “reflex” grazie a Telemaco Corsi. Qui potete trovare un piccolo riassunto sulla storia della fotografia!
Prima classificazione:
Una prima classificazione può essere fatta in base al supporto utilizzato per impressionare le immagini. In questo caso possiamo trovare: fotocamere a pellicola piana, medio formato (120), 127, 126, 135, APS, 110 e per finire il formato Instantaneo (instax mini, wide e formato polaroid).
Fotocamere a pellicola piana
In commercio si trovano molte fotocamere che montano pellicole piane, dai classici banchi ottici che montano lastre di grandi dimensioni oppure le più contenute fotocamere con pellicole grandi 6x9cm.
©AnalogMind2016
©AnalogMind2016
Fotocamere medio formato
Anche qui ci sarebbe da scrivere post su post su questo tipo di fotocamera, per ora mi limiterò a poche info, la pellicola montata è il 120mm è in media restituisce immagini che vanno dal 6×6 al 6×12! Questo genere di macchine é nato per un uso professionale.
©AnalogMind2016
©AnalogMind2016
Formato 127
Le fotocamere che montano questo genere di pellicole sono molto simili a quelle di medio formato, la maggior parte sono TRL. Unica differenza tra il 120 è la dimensione della pellicola, 45mm contro i 60mm del 120.
©AnalogMind2016
©AnalogMind2016
Formato 126
Fotocamere reperibili in qualsiasi banchetto delle pulci ad ottimi prezzi. Peccato che il supporto 126 è stato un mezzo flop.. e difficilmente le pellicole si trovano a poco. Il vantaggio di queste fotocamere era nella facilità di utilizzo, macchine a un solo tempo con la possibilità di variare il diaframma.
©AnalogMind2016
©AnalogMind2016
Formato 135
Il formato più usato in assoluto, e ancora largamente utilizzato. Oltre alle classiche reflex, nel tempo migliorate fino ad arrivare al sistema reflex digitale, possiamo trovare fotocamere con telemetro, stesse caratteristiche delle reflex ma molto più piccole e con lente fisse. Per finire compatte e fotocamere usa e getta. Negli anni 2000 a cavallo con le prime fotocamere digitali è nato un nuovo supporto APS e di conseguenza anche fotocamere che leggevano solamente questo nuovo supporto. Queste fotocamere erano per lo più piccole compatte e scattavano immagini leggermente più piccole del formato 135 oppure realizzavano immagini panoramiche.
©AnalogMind2016
©AnalogMind2016
Fotocamere 110
Queste fotocamere erano dei veri e propri giocattoli in tutti i sensi, piccole come dei portachiavi. Sono costituite da un blocco lente con il pulsante di scatto e il vano per inserire la cartuccia, in molti casi era molto più grande di tutta la macchina. Utilizzate per un breve periodo ma andate anche loro gradualmente a sparire.
©AnalogMind2016
©AnalogMind2016
Formato Instantaneo
Un ultima classificazione delle fotocamere è quella instantanea, in questo caso possiamo trovare il classico formato Polaroid Sx70 oppure Il 600 (attualmente prodotte da Impossible) oppure il formato Instax della Fuji, fuji instax mini e le wide! Queste fotocamere sono molto utilizzate sopratutto le fotocamere instax.
©AnalogMind2016
©AnalogMind2016
Seconda Classificazione:
Una seconda classificazione molto più generica può essere fatta tra le fotocamere professionali e le toycamere. Quest’ultimo nome oggi sta prendendo sempre più piede grazie a vere e proprie macchine giocattolo, costruire interamente in plastica, ad esempio le Lomo.
Macchine professionali
Sul mercato si trovano tantissime fotocamere professionali, che vanno dal classico 135, 120 per arrivare ai banchi ottici! Queste macchine venivano utilizzate maggiormente dai professionisti per la loro straordinaria resa cromatica e per le ottime caratteristiche delle ottiche, diaframmi molto aperti 1,2/1,8 e anche per il peso eccessivo.
©AnalogMind2016
©AnalogMind2016
ToyCamera
Le ToyCamera come dice il nome sono delle macchine giocattolo, presente le macchine souvenir che vendevano alle fiere con dentro una diapositiva che ti faceva vedere le foto dei monumenti? Bene queste macchine sono molto simile per costruzioni e leggerezza, ma possono essere utilizzate per scattare fotografie! Anche in questo caso troviamo macchine sia 135 che 120 e da poco anche con il sistema instantaneo. La particolarità di queste macchine è l’imprevedibilità dei risultati.
©AnalogMind2016
©AnalogMind2016
Conclusioni
Come potete vedere la varietà di formati disponibili era molto vasta, oggi grazie all’investimento e alla richiesta da parte dei consumatori stanno cercando di riportare in produzione molti altri formati. E tantissimi nuovi supporti stanno vedendo la luce, stiamo vivendo una rinascita della fotografia analogica?
E voi, cosa ne pensate?
Avete mai scattato in analogico? Con quale pellicola avete iniziato a scattare?

Comments

comments

Lascia un commento